Teleriscaldamento a Beinasco

     

E’ stata sottoscritta oggi la convenzione tra Iren e il Comune di Beinasco che consente di dare inizio ai lavori di posa della rete di teleriscaldamento sul territorio cittadino.

La rete di teleriscaldamento di Beinasco avrà una lunghezza complessiva di circa 6 km e sarà in grado di allacciare una volumetria di circa 370mila m³, di cui oltre il 10% costituito da edifici comunali di pubblica utilità.

A corollario dell’intervento principale, è previsto anche lo sviluppo di una piccola rete di teleriscaldamento di circa 0,6 km nella frazione Borgaretto, capace di servire una volumetria di circa 60mila m³, quasi interamente costituita da edifici scolastici. Per la produzione del calore che alimenterà questa rete, si utilizzerà una nuova caldaia a cippato, che sostituirà quella esistente, ormai obsoleta.

Il teleriscaldamento, come metodo alternativo alle vecchie fonti di calore esistenti, permette di azzerare completamente le emissioni inquinanti di tutti gli impianti di riscaldamento allacciati, con un notevole beneficio ambientale e garantendo ai cittadini affidabilità, confort e sicurezza.

In termini ambientali, per Beinasco e Borgaretto questo si tradurrà in una riduzione di circa 1,1 tonnellate all’anno di ossidi di azoto – corrispondenti alle emissioni annue di circa 630 auto a benzina - e 1,2 tonnellate all’anno di monossido di carbone. Inoltre si riuscirà ad evitare in un solo anno il consumo di ben 160 TEP (tonnellate di petrolio equivalenti) pari a quasi 190 mila litri di petrolio.

Il progetto permetterà una riduzione delle emissioni di polveri totali di oltre il 70%, ovvero l’equivalente di quanto assorbito da 8 mila giovani alberi, e concorrerà a garantire un apporto neutro alle emissioni di CO2 grazie all’alimentazione da fonti rinnovabili. Per alimentare la rete non sarà necessaria la costruzione di alcuna centrale di produzione termica poiché il calore verrà prelevato in larga parte dal già esistente termovalorizzatore di Torino e per la restante parte dagli impianti di teleriscaldamento metropolitani torinesi gestiti sempre da Iren. La nuova rete potrà servire circa 4mila abitanti di Beinasco, residenti tra il centro urbano e la frazione Fornaci, che andranno a sommarsi ai cittadini di Moncalieri, Nichelino e Torino che già usufruiscono da anni di questo servizio. Ai cittadini saranno offerte le stesse condizioni commerciali applicate a Torino - tra le migliori a livello italiano - nonché l’allaccio gratuito alla rete. Allo stato attuale si prevede di poter procedere alla prima erogazione di calore a Borgaretto per l’anno 2018 e a Beinasco per l’anno 2019.

"Con il teleriscaldamento si realizza un altro degli obiettivi del programma di mandato -ha dichiarato il Sindaco Piazza- L'opera è una grande opportunità per il territorio di Beinasco sia per la riduzione delle emissioni, con centinaia di caldaie condominiali in meno, sia per i minori costi a carico dei cittadini che avranno allaccio gratuito, dimenticheranno i costi fissi per caldaie e relative manutenzioni ed usufruiranno di una delle migliori tariffe d'Italia. Questo varrà anche per gli edifici comunali e le scuole".

Lo sviluppo del teleriscaldamento a Beinasco – ha dichiarato l’Amministratore Delegato di Iren Energia Giuseppe Bergesio - consentirà ai cittadini di poter disporre di un servizio di riscaldamento affidabile, migliorativo dal punto di vista ambientale e commercialmente vantaggioso”.





Sezione Questionario

Torna su