Stato civile

Contenuto in aggiornamento

RILASCIO DEI CERTIFICATI DI STATO CIVILE

 

   L’ufficio di Stato Civile rilascia certificati ed estratti (per copia integrale e per riassunto), desumibili dai registri di: nascita, matrimonio, cittadinanza e morte.

   I certificati e gli estratti di Stato Civile sono rilasciati in esenzione dal bollo.

Validità

   Le certificazioni attestanti stati, qualità personali e fatti non soggetti a modificazione, hanno validità illimitata.

   Le restanti certificazioni hanno validità di sei mesi dalla data di rilascio.

   Le certificazioni di Stato Civile sono ammesse dalle pubbliche amministrazioni, nonché dai gestori o esercenti di pubblici servizi, anche oltre il termine di validità nel caso in cui l’interessato dichiari, in fondo al documento, che le informazioni contenute nel certificato stesso non hanno subito variazioni dalla data di rilascio.

Tempi di rilascio

   Il rilascio dei certificati e degli estratti (per copia integrale e per riassunto) da parte dell’ufficio di Stato Civile è immediato.

Dove rivolgersi:

  • ufficio di Stato Civile presso l’Ufficio per il Cittadino di Beinasco, piazza Generale Dalla Chiesa n. 1;
  • ufficio di Stato Civile presso l’Ufficio per il Cittadino di Borgaretto, piazza Kennedy n. 37.

PUBBLICAZIONI DI MATRIMONIO

Servizio comunale di competenza: Ufficio di Stato Civile

Descrizione

   La pubblicazione di matrimonio è un atto necessario che precede obbligatoriamente la celebrazione del matrimonio, sia di rito civile che religioso: con questo atto l’Ufficiale di Stato Civile verifica l’inesistenza di impedimenti alla celebrazione del matrimonio.

Destinatari

   Cittadini italiani e stranieri, maggiori di età, che si trovino in condizioni di stato libero (art. 86 del codice civile).

   Possono richiedere le pubblicazioni di matrimonio anche i minorenni che abbiano compiuto 16 anni.

Modalità

   I nubendi si presentano personalmente davanti all’Ufficiale di Stato Civile, muniti di un documento d’identità valido e del codice fiscale.

   In caso di matrimonio religioso con rito cattolico, occorre presentare la richiesta di pubblicazione rilasciata dal parroco di competenza.

   In caso di matrimonio religioso con altri riti, l’Ufficiale di Stato Civile fornirà dettagliate informazioni.

   La restante documentazione necessaria per le pubblicazioni è a cura dell’ufficio dello Stato Civile.

Costi

   Alla firma dell’atto di pubblicazione occorre presentare:

  • 1 marca da bollo da € 16,00 se i nubendi sono entrambi residenti in Beinasco;
  • 2 marche da bollo da € 16,00 se uno dei nubendi è residente in altro Comune.

   Nel caso in cui i nubendi intendono celebrare il matrimonio in un altro Comune, è necessaria un’ulteriore marca da bollo per la presentazione della richiesta di delega, che sarà rilasciata dall’ufficiale di Stato Civile del comune di Beinasco.

Casi particolari

   Per i minorenni, oltre al compimento dei 16 anni è previsto il provvedimento di ammissione al matrimonio da parte del Tribunale.

   Per i cittadini stranieri è richiesto il nulla-osta al matrimonio da parte delle competenti autorità del proprio paese (art. 116 del codice civile).

Tempi di svolgimento della pratica

   Non è possibile definire a priori il tempo necessario per il disbrigo delle pratiche, in quanto ciascuna pubblicazione di matrimonio può avere un iter e una tempistica propri; per conoscere i tempi di definizione della pratica è quindi consigliabile contattare l’ufficio di Stato Civile.

   Una volta effettuate, le pubblicazioni di matrimonio hanno validità 180 giorni, entro i quali si deve contrarre matrimonio.

Norme di riferimento

  • codice civile, capo III del titolo VI
  • D.P.R. 3.11.2000, n. 396

Contenuto in aggiornamento

DENUNCE DI NASCITA

Come fare:

   La denuncia di nascita è l’atto con il quale si comunica formalmente agli Uffici dello Stato Civile del Comune la nascita di un bambino.

   Se il figlio è nato da genitori coniugati tra loro: la denuncia di nascita può essere fatta indistintamente da uno dei genitori. Se il figlio è nato da genitori non coniugati: in tal caso la denuncia è fatta da un genitore (se solo uno dei due genitori lo riconosce) o da entrambi i genitori (se tutti e due lo riconoscono). La denuncia di nascita è resa da uno dei genitori (presentando il documento di identità), da un procuratore speciale, ovvero dal medico o dall’ostetrica o da altra persona che ha assistito al parto, rispettando l’eventuale volontà della madre di non essere nominata.

   Deve essere resa entro dieci giorni dalla nascita presso il Comune nel cui territorio è avvenuto il parto o nel proprio comune di residenza, oppure, entro tre giorni, presso la direzione sanitaria dell’ospedale o casa di cura dove è avvenuta la nascita. In quest’ultimo caso la dichiarazione è trasmessa all’ufficio di Stato Civile del Comune nel cui territorio è situato il centro di nascita o, su richiesta dei genitori, al loro Comune di residenza.

   Nel caso in cui i genitori non risiedano nello stesso Comune, salvo diverso accordo tra loro, la dichiarazione di nascita è resa nel Comune di residenza della madre.

Requisiti specifici:

   La denuncia di nascita può essere resa:

1) per i genitori uniti in matrimonio:

  •  da uno dei due genitori o da entrambi
  •  da un loro procuratore speciale (munito quindi di atto notarile)
  •  da medico/ostetrica che ha assistito al parto

2) per i genitori non uniti in matrimonio:

  •  dal solo genitore che intende riconoscere il figlio
  •  dai due genitori congiuntamente, se intendono riconoscere entrambi il figlio

Documenti da esibire:

1) attestazione di nascita rilasciata dall’ostetrica o dal medico che ha assistito al parto, ovvero constatazione di avvenuto parto;

2) documento valido di identità personale dei dichiaranti;

3) per i genitori non residenti: carta d’identità valida o documento equipollente dei dichiaranti (ai sensi dell’art. 35 del D.P.R. n. 445 del 28/12/2000);

4) per i genitori stranieri: carta d’identità, ovvero passaporto dei dichiaranti (se non conoscono la lingua italiana devono essere accompagnati da un traduttore).

Dove rivolgersi:

- Ufficio Stato Civile presso l’ufficio per il cittadino - Piazza Generale Dalla Chiesa, 1 - BEINASCO

- Ufficio Stato Civile presso l’ufficio per il cittadino - Piazza Kennedy, 37 - BORGARETTO

Contenuto in aggiornamento

DENUNCE DI MORTE

   La denuncia di morte è una comunicazione obbligatoria per legge, da effettuare all’Ufficiale dello Stato Civile del Comune dove è avvenuto il decesso entro 24 ore dell’evento.

Come fare:

   In caso di decesso presso un’abitazione privata, locale pubblico o pubblica via: la dichiarazione di morte è effettuata da uno dei congiunti, da persona convivente con il defunto, da un loro delegato (ad esempio personale di impresa di onoranze funebri), ovvero, in mancanza, da persona informata del decesso;

  In caso di decesso presso strutture ospedaliere, case di cura o altri istituti esistenti nel Comune: la dichiarazione di morte viene fatta dal Direttore della struttura stessa, che la trasmette poi all’Ufficiale dello Stato Civile unitamente alla scheda ISTAT e al certificato necroscopico.

   L’Ufficiale di Stato Civile accoglie le dichiarazioni di morte avvenute nel territorio comunale, provvede a formare l’atto di morte, rilascia il permesso di seppellimento, provvede all’annotazione di morte sull’atto di nascita del defunto, ovvero comunica il decesso al Comune di nascita se diverso, informa l’ufficio anagrafe per l’aggiornamento dei dati presenti nell’archivio se il defunto è residente, ovvero, se non residente, trasmette copia dell’atto di morte al Comune di residenza.

   Quando dal certificato necroscopico risultano indizi di morte violenta o vi è ragione di sospettarla per altre circostanze, l’Ufficiale di Stato Civile informa l’Autorità Giudiziaria e ne attende le disposizioni prima di rilasciare il permesso di seppellimento.

Documenti utili:

1) Scheda ISTAT di morte rilasciata dal medico curante o dalla struttura in cui è avvenuto il decesso;

2) Certificato di accertamento del decesso del medico necroscopo.

Dove rivolgersi:

- Ufficio di Stato Civile presso l’Ufficio per il Cittadino, piazza Generale Dalla Chiesa, 1 - BEINASCO

- Ufficio di Stato Civile presso l’ufficio per il cittadino, piazza Kennedy, 37, frazione BORGARETTO

 

.

Sezione Questionario

Torna su