Carte d’identità elettroniche con problemi sul chip
Il Ministero dell’Interno ha attivato servizio per verificare online la presenza di difetti nella propria carta

 

   Il Ministero dell’Interno ha informato che 350.000 carte d’identità elettroniche emesse nel periodo ottobre 2017 – febbraio 2018 hanno dati non riportati correttamente in una parte secondaria del microprocessore. Sono comunque perfettamente funzionanti e non c’è nessun problema per i viaggi all’estero.

   Sempre il Ministero dell’Interno ha messo a disposizione una funzionalità per consentire ai cittadini di verificare online la presenza di eventuali difetti all’interno della propria CIE, all’indirizzo http://www.cartaidentita.interno.gov.it/verifica-cie.

   Inserendo il codice fiscale ed il numero di serie della CIE, il servizio restituisce un riscontro in tempo reale, fornendo informazioni e indicazioni aggiuntive per i documenti che presentano non conformità.

   Le carte difettose mantengono inalterata la loro caratteristica di strumento sicuro di identificazione fisica e digitale, come tutte le altre CIE, dal momento che assicurano la verifica di autenticità dei dati obbligatori normalmente letti durante i controlli (i dati personali, la foto, le impronte e la firma digitale del Ministero dell’Interno). Esistono alcuni dati secondari che pur essendo riportati correttamente sul fronte della carta, non sono correttamente riportati sul chip.

   Al fine di evitare rischi di disagio per i cittadini, nel caso delle CIE valide per l’espatrio, il Poligrafico con tutte le Amministrazioni di riferimento, ha avviato tutte le procedure previste a livello nazionale ed internazionale per la corretta gestione di questi documenti in caso di attraversamento di frontiere con la compilazione di white list di queste CIE, che potranno quindi continuare ad essere utilizzate.

   Il Poligrafico già a febbraio 2018 ha individuato la criticità risolta attraverso un’accurata analisi del processo di produzione, risolvendola in 24 ore ed ha predisposto un piano di sostituzione gratuita delle carte difettose nei prossimi 12 mesi ai cittadini.

 



    .


Sezione Questionario

Torna su